inComunicati Stampa il22 giugno 2018

CANAPA, EVITARE CONFUSIONE E INUTILI ALLARMISMI A DANNO DEGLI AGRICOLTORI

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Verrascina, coltivazione con grande potenziale; nel secolo scorso l’Italia era il secondo produttore mondiale

“In Italia sono diverse migliaia gli agricoltori che, grazie alla legge 242/2016 e alla luce delle nuove tecniche agronomiche colturali e del miglioramento genetico, hanno deciso di investire sulla canapa e che ora si trovano con i campi già seminati e ormai prossimi al raccolto”. Fa notare la Copagri alla luce del dibattito venutosi a creare in seguito alla raccomandazione del Consiglio Superiore di Sanità sull’utilizzo e sulla vendita delle infiorescenze di canapa e alle dichiarazioni del Ministro della salute Giulia Grillo.

“Bisogna pertanto evitare di generare confusione e di creare inutili allarmismi, che hanno come principale risultato quello di danneggiare gli agricoltori che coltivano canapa, i cui utilizzi vanno dalla cosmetica alla bioedilizia e al tessile e dai cui semi si estrae un olio saturo di grassi essenziali e una farina priva di glutine”, sottolinea il presidente della Copagri Franco Verrascina.

“Si tratta di una coltura che ha un grande potenziale, agricolo e non solo, dal momento che dalla canapa possono essere ottenuti numerosi derivati, e che vanta una tradizione secolare in Italia, paese che fino alla metà del secolo scorso ne era il maggior produttore europeo e il secondo al mondo”, osserva il presidente della Copagri.

“I produttori agricoli di canapa hanno bisogno di certezze e di chiarezza in modo da potere investire e coltivare ed è pertanto necessario che le Istituzioni alle quali è deputato il delicatissimo compito di difendere la salute dei cittadini operino con tutta la prudenza necessaria ad evitare di danneggiare un comparto primario”, conclude il presidente Verrascina.

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.